Caffeina O Teina? Due facce di una stessa medaglia.

Preferiamo assumere la teina in sostituzione della caffeina ?
Scopriamo la verità  su queste due sostanze.
Due origini diverse di una stessa molecola.

Bere una tazza di thè o di caffè in compagnia di colleghi o amici o di chi si voglia è un modo che abbiamo per staccare la spina dagli impegni che quotidianamente dobbiamo affrontare. Al giorno d’oggi conduciamo una vita fin troppo frenetica, che inevitabilmente porta a sentirsi sempre stanchi, affaticati, assonnati o deboli.

Allora per cominciare bene la giornata una buona tazza di caffè a colazione è quello che ci vuole. Passiamo tante ore a studiare, a lavorare, e bere una tazzina di caffè diventa quasi un’abitudine a cui non possiamo rinunciare.

Un caffè, come pure un thè ci fanno distrarre per qualche minuto dalle nostre faccende e hanno lo scopo di riattivare il nostro cervello che sarà pronto per affrontare altro studio o lavoro.

caffeina o teina - by xondaderm ®

Il caffè è un prodotto che si ottiene dalla macinazione di semi di alcune specie vegetali appartenenti alla famiglia delle Rubiaceae. La specie maggiormente coltivata, dalla quale si ricava il maggiore quantitativo di caffè è la Coffea arabica.

caffeina o teina - by xondaderm ®

Le origini del caffè risalgono a migliaia di anni fa, in quanto già nell’antichità esso era un prodotto molto consumato. Ci sono innumerevoli leggende riguardo questa bevanda che risalgono all’850 d.C. A partire dall’Etiopia, il caffè si è diffuso poi in Arabia, e in seguito in tutto l’Oriente, fino a noi.

E con esso è iniziata anche  la diffusione di strumenti utilizzati per la sua preparazione, che ad oggi diventano sempre più sofisticati.

Il thè è una bevanda ricavata dalle foglie di diverse specie di piante legnose. La

specie maggiormente utilizzata per la sua produzione è la Camelia sinensis. Essa viene coltivata in paesi come Cina, India, Indonesia.

caffeina o teina - by xondaderm ®

Ma il consumo di thè avviene in ogni parte del mondo, il più importante esempio in questo senso è Regno Unito, nel quale il consumo di thè è quasi un simbolo nazionale.

Esistono tantissime varietà di thè, ma in realtà sono tutte ricavate dalla stessa specie vegetale. Ciò che li differenzia sono i vari gradi di fermentazione delle foglie.

caffeina o teina - by xondaderm ®

Ma vediamo quali sostanze funzionali troviamo all’interno di queste pregiate bevande che abitualmente consumiamo, e gli effetti di cui esse sono responsabili.

Quando parliamo di teina o di caffeina, stiamo in realtà parlando della medesima sostanza, che semplicemente prende un nome diverso in quanto si trova in bevande diverse.

 

La caffeina è una sostanza che svolge un’attività stimolante sul Sistema nervoso centrale.

Questa molecola molto complessa, appartiene ad una famiglia di molecole organiche che si chiamano alcaloidi.

Gli alcaloidi sono delle sostanze organiche di origine vegetale, che in molti casi, se utilizzate a piccole dosi hanno un potere terapeutico, ma se utilizzate a dosi sbagliate sono assolutamente tossiche per il nostro organismo, e possono causare gravi danni, in alcuni casi anche morte.

Per capire questo concetto, bisogna considerare che alla famiglia degli alcaloidi appartengono la molecola della morfina, della stricnina (potente veleno naturale), della cocaina, della nicotina.

Appunto a questa classe di molecole organiche appartiene anche la caffeina, la quale se consumata alle piccole dosi che ritroviamo nella tazzina di thè o caffè non arreca danno, ma ad elevate dosi può risultare tossica.

Questo non deve spaventarci in quanto dobbiamo considerare che la quantità di caffeina in una tazzina di caffè varia da 20-100 mg. In una tazza di caffè decaffeinato c’è una quantità di caffeina di 2-10 mg.

Nel thè invece varia da 10-100 mg. Effetti collaterali come insonnia o mal di testa si possono osservare assumendo una dose di caffeina che superi 1 grammo, che corrisponderebbero circa a dieci caffè consumati nell’arco della giornata.

La dose letale di caffeina varia da 5 a 10 grammi, il che corrisponde a circa 60 caffè consumati in una giornata. In definitiva possiamo continuare a consumare il nostro caffè o thè in serenità.

Dunque conoscere ed essere informati vuol dire tutelarci. E come sempre il miglior modo per tutelarci, oltre la conoscenza, è adottare uno stile di vita sano, con abitudini alimentari sane e varie, con lo scopo di ridurre al minimo i rischi di ciò che ci circonda.

150total visits,1visits today

  • 1
    Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.