Ossa, Calcio e Vitamina D: una corsa contro il tempo.

Da qualche tempo è noto che superata una certa fascia di età potrebbero insorgere problemi legati all’osteoporosi. Statisticamente, più frequente nelle donne, meno negli uomini.

Ma cos’è questo fenomeno che porta ad un progressivo indebolimento delle ossa con un conseguente aumento della fragilità strutturale?

Le ossa che nel complesso costituiscono lo scheletro del nostro organismo, hanno una fondamentale funzione, ovvero supportarci in ogni singolo gesto che compiamo.

Le ossa, durante la vita vanno incontro a dei continui processi di rimodellamento, con lo scopo di adattarsi alle nostre esigenze nel corso delle varie fasi di sviluppo.

Durante tutta la fase infantile e adulta, le ossa subiscono dei processi di continua crescita e modellamento. Ma durante la fase senile, e dunque in età avanzata inizia una fase di deterioramento delle ossa, con conseguente riduzione dello spessore ed incremento della fragilità. Questo fenomeno, noto come osteoporosi, può avere molte cause scatenanti: fattori genetici, menopausa precoce, eccessiva magrezza, anoressia, amenorrea, uso di farmaci particolari, o scarsa assunzione di calcio con la dieta.

calcio by xondaderm

Il calcio (Ca++), è un minerale fondamentale per il funzionamento del nostro organismo in generale, e per la costruzione delle nostre in particolare.
Esso legandosi al fosforo va a formare l’idrossiapatite, la qualche grazie all’intervento di alcune specifiche proteine presenti nell’organismo, va a costituire l’impalcatura del nostro scheletro.
In tal modo alle nostre ossa viene attribuita un’altra fondamentale funzione, oltre quella di supporto meccanico, ovvero riserva di minerali.
Il calcio è presente nei cibi e nell’acqua che consumiamo ogni giorno.
Ed è importante una corretta assunzione di calcio quotidiana, al fine di ritardare o in qualche modo arginare eventuali problematiche di osteoporosi che potrebbero presentarsi.

Come tutti sappiamo il calcio è presente in latte e derivati.
Però per garantirci il giusto apporto di calcio non possiamo fare un uso eccessivo di tali alimenti. Il calcio è presente anche in pesce, carni, verdure, legumi, cereali, frutta fresca e secca, o anche in bevande vegetali come quelle a base di soia. In realtà di tutto il calcio che assumiamo mediante l’alimentazione, in media solo il 40% viene assorbito dall’organismo, mentre la restante parte viene escretata.
Il 40% rappresenta un valore medio quindi chiaramente non è un valore fisso per ognuno di noi.

vitaminaD by xondaderm

La capacità di assunzione del calcio da parte del nostro organismo varia in base ad alcuni fattori. Uno tra tutti sicuramente la presenza di vitamina D.

La vitamina D oltre che essere essenziale per l’assorbimento del calcio da parte delle nostre ossa, può avere un ruolo preventivo anche contro molte altre patologie.
Anche in questo caso possiamo assumerla attraverso i cibi, e si tratta di una forma alimentare della vitamina.
Quando pensiamo ai cibi contenenti delle buone dosi di vitamina D ci vengono in mente uova, latticini, salmone ed altri pesci simili.
Ma in realtà una delle principali fonti di vitamina D per il nostro organismo è rappresentata dalla luce solare.
L’esposizione al Sole, quotidianamente e regolarmente, permette al nostro organismo di produrre la dose di vitamina D necessaria per il suo corretto funzionamento.
È chiaro che in caso di necessità, o in caso di gravi carenze è necessario ricorrere all’utilizzo di integratori specifici, sempre consigliati dal nostro medico di fiducia.

È fondamentale in ogni caso prenderci cura del nostro organismo, in quanto generalmente la sua salute parte dal nostro comportamento e dalle nostre abitudini.
Avere delle buone abitudini e uno stile di vita sano ed equilibrato ci aiuta sicuramente a prevenire fenomeni pericolosi che altrimenti potrebbero presentarsi più facilmente.

240total visits,1visits today