Proteine: molecole fondamentali.

Quanto volte abbiamo sentito parlare delle proteine e della loro importanza per il corretto funzionamento del nostro organismo?  Le proteine intervengono in una miriade di processi organici fondamentali.

Ma cosa sono in realtà, e qual è il fabbisogno giornaliero di proteine per il nostro organismo?

 

Le proteine sono un gruppo di macromolecole organiche.

proteine by xondaderm

Esse sono costituite da tanti piccoli mattoni che si chiamano amminoacidi. Centinaia di amminoacidi si legano tra loro grazie a delle particolari interazioni chimiche, assumono una serie di differenti strutture formando nel complesso le proteine, indispensabili per un corretto funzionamento del nostro organismo.
Esistono 20 amminoacidi, dei quali circa dodici vengono normalmente sintetizzati dal nostro organismo, mentre i restanti otto (leucina, isoleucina, valina, lisina, metionina, treonina, fenilalanina, triptofano) sono definiti amminoacidi essenziali, nel senso che non possono essere sintetizzati dall’organismo direttamente, ma dobbiamo assumerli attraverso la dieta.

Le proteine nelle cellule svolgono una elevato numero di funzioni. Una delle funzioni più importanti è quella della “fornitura di amminoacidi” necessari per i processi di rinnovamento o costruzione dei tessuti.

Ma abbiamo anche proteine di trasporto ad esempio l’emoglobina che trasporta l’ossigeno nel nostro organismo.

Ci sono proteine implicate in processi di difesa: gli anticorpi, gli enzimi,  le proteine con funzione contrattile, quelle con funzione strutturale

La giusta quantità di proteine nelle nostre cellule viene garantita da una sorta di equilibrio tra il processo di sintesi e degradazione di queste ultime.
Le proteine nel nostro organismo non vivono per sempre, ma hanno una

durata della vita variabile, in base alla proteina considerata, e talvolta molto breve.
Proprio perché sono soggette a degradazione, è necessario che esse nelle giuste quantità vengano reintrodotte nell’organismo attraverso una dieta bilanciata.

Il fabbisogno proteico di un organismo varia in base a tanti fattori, come l’età, il sesso, lo stato dell’organismo, i livelli di attività fisica.
Durante dei periodi di digiuno prolungato, o di intensa attività fisica, alcuni amminoacidi vengono degradati maggiormente a scopo energetico.
Petanto il fabbisogno proteico di una persona che svolge regolarmente una intensa attività fisica è maggiore rispetto a quello di una persona che conduce una vita piuttosto sedentaria. Il fabbisogno proteico di un bambino risulta maggiore rispetto a quello di una persona adulta.

Quando parliamo di proteine assunte con la dieta possiamo fare una distinzione tra quelle di origine animale e quelle di origine vegetale.

proteine by xondaderm®

Gli alimenti di origine animale (carne di qualsiasi tipologia, formaggi, uova) hanno un quadro proteico sicuramente più completo e abbondante rispetto a quelli di origine vegetale. proteine by xondaderm®

Nonostante ciò dai cibi di origine vegetale è possibile comunque avere un buon apporto proteico e assumere tutti gli otto amminoacidi essenziali.

Può succedere che alimenti di origine vegetale possano presentare delle carenze per qualcuno degli amminoacidi essenziali.

Ma attraverso le giuste combinazioni possiamo superare questa problematica. Pensiamo alla pasta e fagioli. Grazie a questa combinazione di alimenti la carenza di amminoacidi nei legumi è compensata dal fatto che li ritroviamo nella pasta, e viceversa.

Dunque, ci sono tante valide alternative per fornire al nostro organismo sempre una dose bilanciata di proteine. Attenzione quindi a seguire sempre una dieta molto varia ed equilibrata. È importante in ogni fase di sviluppo dell’organismo, o in ogni momento sapere la giusta quantità di proteine da assumere.

Una troppo scarsa quantità così come una quantità eccessiva creerebbero gravi danni a carico dell’organismo.

 

 

3587total visits,1visits today

  • 12
    Shares