Cioccolato, un antistress naturale

Il cioccolato è forse uno degli cibi più amati al mondo, da grandi e piccini. Esso oltre ad avere un sapore inevitabilmente inebriante e delizioso, apporta tanti benefici all’organismo. Ne esistono tantissime varianti, ognuna delle quali ha una peculiarità, ma tutte accomunate dal fatto di essere buonissime.

Uno dei principali elementi costituenti il cioccolato è il cacao. La pianta del cacao (Theobroma cacao) è una pianta appartenente alla famiglia Sterculiaceae (attribuita alle Malvaceae), originaria dell’America meridionale.

Il processo di semina, raccolta e lavorazione dei semi di cacao richiede molto tempo. Il risultato di queste laboriose lavorazioni sarà il cacao in polvere che noi tutti conosciamo, e che viene utilizzato per tantissime preparazioni.

Ci siamo mai chiesti perché mangiare cioccolato ci faccia sentire subito bene? Innanzitutto sicuramente gli zuccheri in esso contenuti giocano un ruolo molto importante in questo senso. Essi vengono immediatamente captati dal nostro cervello, che è forse l’unico organo che per funzionare ha bisogno solo di glucosio. In realtà non è solo questa l’importanza del cioccolato.cacao-by xondaderm®

Il cioccolato fondente, grazie al fatto di avere un elevato contenuto in cacao, è fonte di antiossidanti, in particolare flavonoidi, presenti anche nel vino rosso, o negli agrumi.
Per poter beneficiare della presenza di flavonoidi bisognerebbe abituare il palato al gusto leggermente amarognolo del fondente.
Il cioccolato a latte ha delle quantità nettamente inferiori di queste sostanze.
Il fondente, contiene delle particolari sostanze che stimolano la produzione della serotonina, che tutti conosceremo come l’ormone del buon umore. Per cui esso è un antistress naturale.

mangiare-cioccolato-by xondaderm®

Attenzione: se da un lato consumare cioccolato ci fa star bene, dall’altro la stimolazione della produzione di serotonina non è sempre un effetto positivo.
Questo cibo è sconsigliato per coloro che soffrono di emicranie, in quanto esso potrebbe peggiorarle.
Inoltre la stimolazione nella produzione di serotonina può essere implicata in una sorta di “dipendenza” che si potrebbe sviluppare.

Allora sì al cioccolato, ma con moderazione.

Sicuramente più libertà nel consumo è data a coloro che praticano sport o che conducono uno stile di vita attivo. Tutto ciò perché non bisogna sottovalutarne l’apporto calorico e di grassi.

É bene sapere che tipologia di cioccolato prediligere.

Una tavoletta di circa 100g apporta poco meno di 500 Kcal. Una quantità abbastanza elevata. Se non si conduce uno stile di vita attivo,  il consumo quotidiano di cioccolato potrebbe portare un aumento del peso corporeo.

Una tavoletta di circa 100g presenta i seguenti grassi:
acido oleico, acido stearico, acido palmitico.

Per un consumo ideale e senza sensi di colpa sarebbe opportuno prediligere tipologie di cioccolato che presentino un maggiore contenuto in cacao, e un basso contenuto di zuccheri. Facendo attenzione alle dosi limiteremo anche l’apporto calorico.

Allora possiamo consumare cioccolato, ma facendo attenzione a questi piccoli accorgimenti, in modo da beneficiare al massimo delle proprietà di questo delizioso cibo.

344total visits,2visits today